mercoledì 22 luglio 2015

2 Tutorial: Effetti con tamponi

Più guardo questo tutorial, più mi rendo conto che non è nulla di eccezionale e me lo sto trascinando dietro da giorni. Deve essere il caldo che mi ammazza ogni voglia di fare e mi succhia le energie, portate pazienza XD
Oggi una cosa un pò diversa dal solito, ossia, l'utilizzo di tamponi per spargere il colore preso direttamente dalle ricariche per ottenere texture ed effetti di sfondo. Se ci si prende un pò la mano, si possono anche fare cose simili all'aerografo, ma bisogna fare un pò di pratica.



Più guardo questo tutorial, più mi rendo conto che non è nulla di eccezionale e me lo sto trascinando dietro da giorni. Deve essere il caldo che mi ammazza ogni voglia di fare e mi succhia le energie, portate pazienza XD
Oggi una cosa un pò diversa dal solito, ossia, l'utilizzo di tamponi per spargere il colore preso direttamente dalle ricariche per ottenere texture ed effetti di sfondo. Se ci si prende un pò la mano, si possono anche fare cose simili all'aerografo, ma bisogna fare un pò di pratica.
Per prima cosa, ho colorato ciò che non richiedeva tecniche particolari, la pelle e i capelli della ragazza, ad esempio. Ecco segnata anche la color chart, se vi interessa.
 

avevo deciso che dovesse essere una scena davanti al camino, quindi con ombre scure e luci calde e ben visibili, sulla texture di un caldo abito di lana, e quindi un tessuto ruvido.
Questo pennarello altro non è che il fluido mascheratore, il pennarello va agitato bene per mescolare adeguatamente "l'inchiostro" al suo interno. Se rimangono parti azzurre o parti bianche non va bene. L'inchiostro asciuga rapidamente, lasciando sulla carta una patina impermeabile, assomiglia a quella pellicolina che vi rimane sulle dita dopo aver toccato il vinavil! Lo scopo è ricoprire la carta di uno strato impermeabile, utilissimo per ottenere effetti con qualsiasi tipo di colore liquido.   

Importante non sfregare troppe volte la punta, o si rischia di abradere la carta sotto, essendo la punta molto dura.

Qui lo uso per tenere ben puliti i bordi di certe aree dove voglio tamponare il colore, e si sa che questo genere di cose non è adatto a piccoli lavori di precisione. 

Così mi attrezzo di fluido e dopo aver coperto le parti più precise e minute, proteggo il resto con qualche pezzettino di carta!

Prendo poi una tazza. Non perchè sia una barbona, ce l'ho una tavolozza, ma è bianca e il materiale di cui è fatta mi assorbe il colroe dei copic e rimane macchiata XD 


  ...quindi uso il retro di una tazza. Che è largo abbastanza da petmettere di impucciare i tamponi e ha i bordini più alti di un semplice piattino da caffè, così da poter avere anche un certo livello di colore, se serve, ed è bianco, così non mi distorce la tonalità. 

I tamponi sono semplici tamponi di gommapiuma, ed uno è viola solo per via di un lungo utilizzo con quel colore acrilico che ci si è seccato su. Sarebbero col fondo piatto, ma ho usato un semplice cordino da legare un pò più stretto attorno alla 'campana', In questo modo i bordi si sollevano e il fondo si arrotonda, evitandomi fastidiose bordature nette con la forma circolare del tampone.

 Per cominciare uso Y21 e YR23. Gialli caldi, ma adatte anche all'atmosfera un pò buia e riservata che dovrebbe avere il disegno. Verso qualche goccia di ciascun colore, a sentimento. Poichè l'alcol evapora velocemente lasciando il colore a concentrarsi asciutto sui bordi, bisogna lavorare velocemente o tenere a portata qualche goccia d'alcool rosa (che usato in minime quantità non infuisce sul colore, sembra trasparente!)per diluirlo di nuovo. In questo modo si possono anche ottenere tonalità più intense o slavate.
A seconda di quanto imbevete il tampone e quanto è asciutto il colore, ecco i due effetti principali ottenibili: aloni umidi, che sovrapposti danno un effetto acquerellato, e puntini secchi e asciutti, come sabbia. Attenzione, a seconda del materiale dei tamponi, la texture può cambiare!


Una volta tolti i pezzetti di carta, questo è l'effetto. Ora preparo il colore scuro, composto C-7 (successivamente, per una seconda passata ho aggiunto del W-7) Tampono ancora, l'effetto sembra molto grezzo. Si continua a tamponare finchè l'effetto non diventa piacevole, quindi si va a gusto. Le rifiniture le faccio con un i copic, un C-7 e un T-10, con cui vado a dare, con singole pennellate, dei tocchi di ombra tra le pieghe, per rendere tutto più tridimensionale.


A questo punto posso cancellare il fluido mascheratore, se l'avete steso bene senza grattare la carta ed era ben amalgamato, non avrete problemi a rimuoverlo con l'aiuto di una gomma da cancellare. Io ne ho usata a una a penna per i punti più piccoli, una mono zero.
una volta levata la pellicola del fluido, fa tutto un altro effetto.


le ombre più nette date col T-10 si vedono bene, anche quelle che si riflettono sulla parete poesteriore, anch'essa ruvida. Per questa parete, di cui faccio solo un pezzetto, ho scelto di mescolare inchiostri E71 e E04. Ah, non l'ho specificato, ma ovviamente dopo ogni giro di colore, sia la tazza che il tampone vanno puliti ben bene con alcol!
 

Qui ho usato il tampone più grande, perchè tanto ho già mascherato la coda e tutti i suoi pelucchi col fluido, si vede la patina azzurra Emoticon heart

per una zona più grande, si poteva anche dare una base di colroe a pennarello, magari un copic wide, e poi tamponare un colore più scuro per texturizzarlo. Questo metodo si può applicare a tantissime cose, per esempio anche solo un alone per indicare uno stato d'animo dietro un personaggio. Scuro, d'angoscia, per esempio, o brillante, gioioso.
Mi scuso per la pessima foto, ma non mi ero accorta che fosse venuta sfocata e... Beh, non trovo la versione cartacea per scansionarla. (mi dicono dalla regia che sono una persona ordinata, sì. *coff*) comunque ecco un fondo molto carino che sembra fatto ad aerografo ed acquerello, il fluido è stato usato per proteggere le punte dei capelli e i bordi in generale.
 

...o anche per un effetto più angosciante, per rempire un fondo bianco con qualcosa di meno scontato che una campitura :D

Fanart commissionata di Rize e Kaneki, personaggi di Tokyo Ghoul, manga di Sui Ishida
Sperando che sia interessato a quelcuno, buon lavoro!
Alice


2 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. *A* mi ispira un sacco!! prima o poi proverò di sicuro!!!!

    RispondiElimina