mercoledì 26 febbraio 2014

1 Tutorial: Colorare capelli in stile manga - 1° parte


Buondì.


Oggi, capelli! 
Ci sarebbe un sacco di roba da mostrare e dire su come realizzare dei bei capelli in stile manga, infatti ho pensato di dividere tutte queste cose in almeno due parti, come da titolo.
Non basta saper disegnare, anche la colorazione è importante, e per quanto non ci siano delle vere e proprie regole per distinguere chi fa fumetto in giappone da chi disegna fumetto in altre parti del mondo, è ovvio che a fare la differenza ci sono degli influssi non indifferente, dovuti alla cultura artistica orientale, semplice, piatta, satura e lineare, rispetto alla nostra europea.
Come sempre le eccezioni sono ovunque, ma in linea di massima si tratta di stilizzare e usare colori intensi e brillanti.
La color chart indica che i colori sono stati usati per il tutorial, ma non in tutti e quattro gli esempi sono stati usati tutti i colori.

 



E come al solito, i modi di rendere luci e ombre sono tanti, qui ne metto 4 per un'idea... l'importante è ricordare due semplici nozioni: le luci formano una linea curva intorno alla testa come una coroncina o un'aureola, segnata qui accanto in giallo. questo aiuta a dare un senso di rotondità e volume. E' vero che le ombre vanno sempre nella direzione opposta alle luci, ma qui entra in gioco il fattore 'sintesi'. Non sempre c'è bisogno che le ombre siano perfette come vorrebbe la realtà, se le luci sono neutre e naturali, come una luce diffusa a giorno, si tende ad ombreggiare in pochi punti strategici, per esempio la parte inferiore della massa, e i punti, come dietro al collo o nelle pieghe della frangia, dove la luce non passa, o metterne un pò 'sotto' come se la luce venisse dall'alto. 

Qui sotto alcuni esempi di vari manga:




1:


Ho usato veloci colpi di 'pennello' con l' Y15 per ottenere segni appuntiti, e le punte convergono verso la zona di luce, sia sopra che sotto, per enfatizzare la luminosità delle varie ciocche, anche se non sono disegnate. il segreto è posizionare questi segni seguendo il movimento naturale dei capelli, infatti la parte superiore del colore viene data in maniera radiale, partendo sempre dall'attaccatura.


(per inciso la cosetta pelosa qui è la responsabile della brusca interruzione del video e dello sfregio giallo sulla faccinaXD)





Finita la base su tutto il resto, uso una passata di R02 per scaldare le ombre, bisogna pensare in termini di volume, quindi essendo composta la frangia di grosse ciocche, avranno ombre in pochi punti, ossia dove si infila sotto ai capelli laterali, le punte in fondo e la zona dietro al collo, che essendo il punto più scuro è stato rinforzato con un pò di R22 (anche nelle pieghine di attaccatura alla fronte)




2:

Uno dei miei preferiti, piacendomi le cose semplici e le forme nette: si parte con Y15, lasciando una fascia luminosa. Al contrario di quanto detto prima, stavolta uso un più scuro Y38 proprio a contatto con la luce: l'idea è quella di ottenere un effetto un pò "metallico", per rendere un'idea di lucidità.



Si bagna la base col colore più chiaro (Y15), si passa subito, finchè è umido, quello un pò più scuro in scala(Y38), e poi lo si sfuma per bene con quello chiaro, lasciando netta e scura solo la parte a diretto contatto con la luce.

il resto è semplice, con Y38 scurisco, con una sfumatura morbida, la parte inferiore della rotondità dei capelli, mantenendo le punte un pò più chiare alla fine. l'aureola di luce è stata interrotta in alcuni punti per suggerire qualche imperfezione naturale tra le ciocche di capelli. RO2 per dare qualche ombra morbida e lunga, in corrispondenza delle interruzioni, e un colpetto sotto al collo, nella parte vicino al viso perchè è l'angolo più buio.



3:

Non tutte le luci devono essere bianche. Possono essere fatte anche del colore più chiaro del tono dei capelli, quindi passo Y15 pieno nella zona di luce. (occhio ai marroni che sono infidi: se il colore di base è un beige e volete un effetto opaco va bene, ma se volete un effetto luminoso è meglio fare le luci di colore giallo o rosato, a seconda che sia un marrone dorato o caldo. saturo=luce)


Successivamente con Y38 dò dei tocchi di pennello come nel tutorial della settimana scorsa e per creare un pò di movimento alterno le direzioni delle punte, sempre seguendo l'andamento dei capelli. 


Ombre solo nella parte inferiore con R22, ci sono giusto due segnetti che partono dalle punte finali, perchè il resto dei giochi di chiaroscuro dei capelli è dato dagli spazi lasciati tra le pennellate di Y38, che sono state riempite alla fine con Y15, in questo modo ha anche alleggerito un poco il colore più scuro. I piccoli tocchi di ombra nelle zone della frangia sono ottenuti con R02.



4:

Semplice è belloXD qui ho riempito tutto con i due colori più chiari, Y15 in cima e Y38 sotto, con una sfumatura lunga e morbida.


Ho dato le ombre con qualche tocco di R22, che ho successivamente sfumato verso l'alto con R02 e Y38 in successione. l'importante è che l'ombra sia sempre un tono più scura della base, quindi se la base schiarisce verso Y15, anche le ombre schiariranno fino a scomparire, come nel video.

Qui non c'è nessuna luce, l'effetto luminoso è dato dalla parte chiara in cima, i capelli non sembrano lucidi ma piuttosto morbidi. il risultato sono delle ciocche che sembrano un pò spigolose e mi ricordano certe action figures modellate in tridimensionale.
 

Potrebbe anche essere finito così, ma col bianchetto si può aggiungere qualche punto luce, e la forma può essere a piacere, che siano puntini, zig zag, o lineette.

 

Ci sono tantissime varianti, anche a seconda dei toni dei capelli, usando più o meno toni con delle tinte scure si ottengono già effetti diversi, per esempio. ma questo nella seconda parte, la settimana prossima!

La seconda parte!

La terza parte!
Alice.

1 commento:

  1. Bellissimo e completo!
    Ma una domanda: cosa usi per colorare i disegni? io coloro con le matite, ma fin troppo spesso queste mi rovinano i personaggi... pff...

    RispondiElimina