mercoledì 3 ottobre 2018

1 Colorazione monocromatica: verdi luminosi YG

E siamo arrivati alla fine di questo giro di giostra, o ruota cromatica.


l'ultimo gruppo di colori rimasto erano i verdi tendenti al giallo, e per andare sul difficile, al contrario dei precedenti esempi in cui ci siamo lasciati più o meno tentare da fanart di personaggi che incontrassero naturalmente la color chart scelta, stavolta il soggetto è totalmente random, per dimostrare che anche una cosa che non immagineremmo in *inserire colore che preferite* può venire bene in monocromatico.

Questo disegno non rappresenta un personaggio famoso con una serie di colori facilmente riconoscibili, è una personaggio anonimo che poteva essere fatto con qualsiasi degli abbinamenti mostrati finora. e quindi, perchè no, il verde luminoso.

I colori utilizzati sono YG17 per le parti scure e YG00 per quelle chiare, è un colore molto luminoso e incredibilmente tendente al giallo, in grado di illuminare fortemente un'atmosfera. il che è comodissimo in una colorazione varia, ma in caso di un semplice monocromatico, il fluorescente è esagerato. 
Ecco che entra in gioco il grigio W-2, per esaltare la parte calda del verde, e l'ho passato al centro di alcune delle ombre chiare più estese, come tra le pieghe del vestito. oltre a renderle più marcate e diminuire l'effetto evidenziatore dona anche profondità.



Le parti intermedie sono state fatte con la tecnica tip-to-tip. cioè sporcando la punta di YG00 con YG17e  scaricandolo sulla carta con pennellate veloci per ottenere brevi sfumature mentre la punta torna al suo colore chiaro originale.
Questa tecnica è stata essenziale per rendere le sfumature dell'acqua e nei capelli.



La curiosità di questa color chart è che nonostante il disegno sia effettivamente in monocromatico, in realtà il grigio è un colore appartenente ad una famiglia totalmente diversa: questo dà spunto di riflessione per il prossimo post, chiusura dell'argomento, dove vi proporrò delle color chart basate su colori diversi tra loro.

Alice

mercoledì 26 settembre 2018

0 Colorazione Monocromatica: Viola e Viola-rosso

Ciao a tutti!
Ormai ci avviciniamo a grandi passi verso la conclusione di questi post monocromatici.

Oggi tocca alla famiglia dei viola e dei viola-rossi, rappresentato da queste due ragazze con un caldo maglione, già molto autunnale


Per questa illustrazione, ho scelto di rappresentare due gradazioni diverse, una sul Viola (a sinistra) e una sul Viola-Rosso (a destra), ma entrambe hanno un colore in comune, il più chiaro, ovvero RV000.
A ciascuna, poi, ho associato un pastello colorato, per aggiungere variazione nella colorazione.
Entrambi sono fatti con 4 colori in scala.

Nei prossimi step di questo tutorial, vi mostrerò la colorazione della ragazza a sinistra; per quella di destra i passaggi sono del tutto analoghi.

Sono partito da una lineart fatta principalmente col multiliner nero, a cui ho aggiunto un contorno col multiliner 0.3 sakura.
Inoltre gli occhi sono fatti parzialmente col multiliner sakura - si vede meglio nel dettaglio più avanti.


Come base, ho usato V12 per creare le prime ombre sul viso, posizionate sotto il naso, nella zona delle palpebre e come ombra degli occhiali; il V12 è sfumato con RV000


Col verde pastello ho colorato gli occhi e le bucce delle angurie sulle maniche


Ho ripassato il V12 per aumentare l'ombra, oltre a creare l'ombra anche sull'occhio


Con il V25 ho intensificato la pupilla e colorato parte dell'iride, creando una sfumatura col V12 passato in precedenza


Ho steso poi le ombre restanti sul viso, ovvero nella zona delle orecchie e sotto la frangia, usando sempre V12 e RV000 per creare una sfumatura.
Sono passato poi a colorare le mani, prima mettendo un tocco di V12 nelle nocche e andando a diluirlo con l'RV000, che essendo molto chiaro funziona in parte come blender.



Per gli occhiali, ho prima colorato la parte alta con V25, lasciando un piccolo spazio bianco e creando la sfumatura con il V12; questo rende gli occhiali più lucidi, come se fossero fatti di un materiale plastico


La parte basse degli occhiali è colorata con V09 - il tono più scuro della color chart - e sfumato con V25.
Sono partito poi con la colorazione dei capelli iniziando dalla parte finale della frangia, colorata con V12


Ho creato poi una zona di ombra "media" con V25, che ho poi sfumato verso il basso con V12



Per le ombre più scure ho usato V09; come vedete nei passaggi successivi, mi piace mantenere sempre delle ombre abbastanza nette nei capelli per rendere meglio le ciocche




Infine, per la colorazione del maglione, ho usato V12 e RV000; ho  creato i bordi delle ombre nette con V12 andando poi a creare dei piccoli gradienti con RV000.
Inoltre ho usato V12 per creare un po' di trama del maglione, inserendo dei piccoli puntini sparsi qua e là.


Per la ragazza a destra, ho usato la seguente chart:
-RV000
-RV11 (analogo al V12)
-RV95 (analogo al V25)
-RV99 (analogo al V09)
-pastello arancione-giallo

Spero che vi sia piaciuto! Alla prossima!

Matteo Dodo


giovedì 13 settembre 2018

0 Colorazione monocromatica: Toni giallo-arancio

Questa è stata una sfida molto dura per me, io odio il giallo, non riuscivo a immaginare nulla con questi colori, alla fine mi sono battuta nelle cose gialle più famose nel mondo dell'animazione: I simpson!




Una fanart di Lisa, personaggio principale della famosissima opera di Matt Groening.



Ho usato solo 4 colori che ho ripetuto per tutto il disegno: Y35 Y17 YR16 e Y38!




Al prossimo post!


Chichi

lunedì 10 settembre 2018

0 Tutorial : Un effetto Antique & Vintage

Ciao Copic Lovers, buon settembre !


Siamo sopravvissuti all'inferno del caldo d'agosto !! Faceva tanto caldo che sto ancora soffrendo per gli effetti, tipo "stordita" ... ^_^;



Scherzi a parte, iniziamo settembre con un tutorial per ottenere una texture molto interessante, che definirei "Antique mood", usando alcuni inchiostri Copic Various e un materiale molto comune che si trova dappertutto: la penna biro !!

Faccio un esempio semplice qui sotto sgocciolando tre colori, uno alla volta, ossia gli inchiostri Y00, Y15, 0. Prima su un disegnino fatto con la biro, poi sul foglio completamente bianco, guardate la differenza...





Visto che si sfrutta la forza di gravità + la capacità di espandersi degli inchiostri Copic, c'è un limite al diametro che si può ottenere. Ci saranno delle variazioni a seconda del tipo di carta, ma direi che più o meno le tre gocce si allargano per 30 mm.  





Come motivo scelgo i fiori, la loro base è rotonda, si può giocare con tanti toni di biro, poi sono ottimi per rendere questo Antique mood !!





L'inchiostro della biro si scioglie molto facilmente e rende molto scura la prima goccia, poi via via meno scura la seconda e la terza goccia. Con la quarta goccia l'inchiostro biro sparisce del tutto e quindi direi che mi fermo alla terza.




La prima goccia.



la seconda goccia (B00), prima che la prima venga assorbita del tutto


... poi l'ultima, con l'R00



Altri motivi di fiori, per studiare un po' la combinazione dei colori. 


Poi, ho l'impressione che i colori scuri si espandano meno rispetto agli altri più chiari, e quindi per la prima o anche la seconda goccia sarà meglio usare tipo R000, Y00, B000.

Ed è molto divertente scoprire la combinazione preferita!

Per questo post ho fatto anche il filmatino !!


 



PS : poi mi rimane l'ultimo compito ... ^_^;



Ciao ciao, ad ottobre !!

Marica

mercoledì 5 settembre 2018

0 Colorazione monocromatica: seppia e pelle

Un altro argomento a cui tengo tantissimo quando si parla della scelta di primi colori e di monocromatico é la pelle.
Con l'immagine di oggi lo scopo non è tanto farvi vedere quanto bello viene colorato il disegno, quanto farvi capire che scegliere i primi tre o quattro colori della gamma pelle/Marrone possa essere utile sia per produrre colorazioni nei toni seppia, che ottenere un valido inizio per una futura scelta di colori: con tre o quattro pennarelli di questa gamma possiamo ottenere sia pelli che capelli perfetti.


ho colorato tre volte lo stesso disegno per farvi vedere un esempio chiaro è un esempio scuro, un esempio caldo (cioè tendente al rosa) e un esempio freddo (cioè tendente al giallo). inoltre il terzo esempio ha una minore gamma di colori  ma utilizzati con la tecnica mista, in questo caso con l'aggiunta di matite colorate.

Questo è l'esempio con 4 colori tendenti al caldo. 
il colore più scuro di tutti è E37, quindi non troppo scuro. 




Oltretutto sono partita proprio da quel colore, in modo che sovrapponendo gli strati successivi di colori sempre più chiari questo andasse a sbiadire, risultando ancora più leggero e dando una sensazione tenue luminosa a tutto. Anche aver inchiostrato i contorni con un multiliner seppia aiuta a far sembrare l'effetto più delicato. 


Il secondo esempio fa l'effetto di una foto antica a causa della mancanza di rosso. Infatti sembra tutto molto giallastro e sbiadito.. . questo perché normalmente nella colorazione io tendo a fare le basi chiare verso il giallo (E50, E51, per esempio) e aggiungendo colori caldi andando verso le ombre.


 In questo caso per renderlo più diverso possibile dal primo esempio ho mantenuto una gamma tutta gialla, ma in realtà E50 ed E51 sono ottimi colori pelle!  qui sembrano molto finti per via, appunto, della mancanza di colori caldi.


Io non possiedo tutti i colori della gamma Ciao, ma solo quelli che mi servono. quindi esistono infinite combinazioni e possibilità che potete ottenere a seconda dei vostri gusti. in questo caso ho scelto come ultimo colore un pennarello un po' più scuro degli altri, E47, e dato che il distacco era evidente, invece di aggiungere un quinto colore intermedio, anche qui l'ho passato per primo in modo da poterlo schiarire leggermente passando i colori successivi. I bordi sono ripassati con multiliner sepia e nero ( principalmente nero, ma in zone delicate come il naso o la parte finale della frangia ho lasciato del seppia) 

Il terzo esempio è stato quello più divertente! 


In cui diventa chiaro che la parte più importante di un viso, per quanto riguarda i copic, è la stesura uniforme è pulita della pelle: il resto passa in secondo piano se anche mostra una leggera texture dovuta all'utilizzo di materiali diversi. 
In questo caso ho utilizzato delle semplici matite colorate, neanche acquerellabili, che ho "spennellato" coi coic passandovi sopra il colore più chiaro (YR000).


in questo modo l'alcool contenuto nel copic riesce comunque a "squagliare" un po' il pigmento della matita, rendendolo più liscio, e così ho potuto ottenere diverse sfumature pur utilizzando solo tre copic e tre matite da supermercato!


Io ho la fortuna di sapere già come voglio che sia colorato un disegno, quindi per me è facile posizionare separatamente prima tutte le matite e poi passarci i copic sopra. 
Se per voi non è lo stesso ricordate che non è importante l'ordine in cui sovrapponete copic e matite, l'importante è solo che il copic che venga per ultimo. (possono essere aggiunti anche più strati uno dopo l'altro per intensificare dove serve)

sperando che sia stato utile, alle prossima. 

Alice. 

mercoledì 29 agosto 2018

0 Colorazione Monocromatica: La suonatrice di Sitar in scala di Rosso

Nuovo post per questa serie dedicata alla colorazione Monocromatica.
Per l'appuntamento di questa settimana, vi presento un'illustrazione fatta principalmente con rossi della famiglia R, a cui ho aggiunto un tono chiaro della famiglia YR.


I toni caldi con cui ho lavorato mi hanno suggerito un'illustrazione dedicata a paesi lontani ed esotici, per cui ho voluto ritrarre una suonatrice di Sitar circondata da animali, feroci e non, che incantati dal suono dello strumento si mettono ad ascoltarla.

Per l'occasione, ho ripreso alcune delle fasi della lavorazione nel video che riporto qui sotto.



I colori usati sono:
- YR15 per le parti chiare e tendenti all'arancione
- R14 è il tono chiaro di rosso usato per i pantaloni della ragazza, per il manto della scimmia e parte della tigre e per alcune ombre sull'elefante
- R46 è un tono un po' più scuro di rosso, ed è molto intenso, infatti l'ho usato con moderazione
- R59, infine, l'ho usato per il sitar, per i capelli della ragazza, il guscio della tartaruga e le strisce della tigre. E' un colore scuro ma non eccessivamente saturo, per cui si adatta bene con diverse famiglie cromatiche.

Per ripassare il disegno ho utilizzato un multiliner 0.1 marrone, con cui ho fatto anche dei piccoli tratteggi per il pelo degli animali o per dare l'idea della rugosità del manto dell'elefante.
Per quest'ultimo, inoltre, ho cercato di dare lo stesso effetto coi copic, creando una sorta di intreccio di linee.

Sperando vi sia piaciuto, vi lascio al prossimo tutorial!

Dodo

mercoledì 22 agosto 2018

0 Colorazione Monocromatica: Prigione di ghiaccio in BG

Altro giro, altro regalo.. ci avviciniamo alla conclusione della nostra ruota cromatica, ormai manca poco!

il titolo parla di bg, ma in realtà nella color chart c'é anche un B00.  Se avete visto gli altri post sul tema, avrete notato che non seguiamo le famiglie dei copic ma piuttosto degli abbinamenti anche di due famiglie diverse, che però creino l'illusione di un solo colore sulla ruota cromatica di Itten. infatti quasi sempre c'è almeno un colore che appartiene ad un altro codice.
Questo perché il nostro scopo e aiutare le persone a scegliere dei colori in scala quando non sono disponibili gli abbinamenti chiaramente indicati dal susseguirsi dei numeri del codice. In questo modo anche chi non trova tutti i colori consecutivi sa che puó discostarsi un pochino dalla scala e prendre un colore simile.
Ecco quindi un tema ghiacciato realizzato con una scala di verdeacqua, ma un poco piú azzurra nei toni chiari: BG79, BG49, BG23, B00.
avrei voluto usare il multiliner Turquoise, ma vist l presenza di toni scuri ho optato per uno blu, Cobalt.


BG78 é stato aggiunto per il gusto di vedere un tono molto scuro, ma un disegno sarebbe venuto bene anche solo con i tre più chiari!
ho optato per uno sfondo scuro che risaltasse la figura che emerge dalla parete di ghiaccio, la quale riflette la luce.

una volta fatto lo sfondo e le parti emerse, mi sono dedicata al ghiaccio con i colori più chiari per far intravvedere la figura drl corpo in trasparenza.



Alla prossima
Alice