mercoledì 13 maggio 2015

0 Tutorial: colorare il sangue. (giuro che non è così brutto come sembra)


...oggi sono stata al cinema a vedere l'attacco dei giganti.
e così mi son detta...
...perchè non un tutorial su come colorare il sangue? (in realtà me l'ha detto un'amica e ho ignobilmente approfittato, ma facciam finta che va bene così)

(infatti nel foglio è uscita una mezza fanart di ArminXD)




E ora i passaggi, uno alla volta. Partiamo dal vedere uno schizzo, delle gocce. Le forme saranno arrotondate ancora più che per i liquidi, data, appunto, la consistenza del sangue.


Importante avere a disposizione qualcosa di bianco e coprente per i riflessi di luce: una penna acrilica Molotow, una penna gel, un bianchetto, tempera bianca... Insomma qualcosa per le rifiniture. Oppure, se siete bravissimi e sapete già dove lasciare le luci... Io con quello faccio ancora fatica.
I clori da usare non sono tanti:



R-35, R59, RV69, RV19 e E49 sono i colori che ho usato, e spesso non tutti insieme, ma solo 2-3 per esempio.

Ognuno ha un suo modo di disegnarlo, a me pice lucido e cicciotto, quasi gelatinosoXD


 
Il procedimento è simile a quello per disegnare le gocce d'acqua, di cui trovate un tutorial QUI, ma il sangue è più denso e la consisetenza viscosa si esprime anche attraverso il colore.


Per prima cosa sono partita dal colore più scuro, inq uesto caso un E49.
Immagino il sangue come fosse plastico, e in volo si modella come un nastro, quindi vado a mettere le ombre scure nei punti dove le estremità si arrotondano per via delle gocce che stanno per staccarsi, e anche al centro, dove la forma si torce su se stessa appiattendosi, per poi dividersi in goccioline. (no, non sono un'amante dello spaltter, seguo questa procedura per tutti i liquidiXD)


L'ideale per un bel color sangue è un Cardinal R59, ma se come me l'avete scarico e non avete la ricarica, potete sopperire con qualche tono più marrone o violaceo (e vi rimando a QUESTO tutorial). IN questo caso ho scelto degli RV nella mia chart, nello specifico RV19. Sembra quasi vino, nel passaggio intermedio.
Non importa che sia troppo violaceo, perchè alla fine il colore che passerò su tutto sarà R35, che è un bel rosso un pò aranciato, e spegnerà la parte viola. Quando passo un rosso su RV69(Peony) l'effetto finale è che il peony diventa un cardinal.


Ciao, Wannabe Armin.

 Stavolta in senso contrario, parto dalla base chiara con R35. Dato che le gocce e le loro scie non sono molto grandi, non posso dettagliarle troppo (anzi, sono già fin troppo grosse, dopo si rischia di ottenere l'effetto di bubboni invece che gocceXD) quindi mi limito  passare in successione gli altri due colori solo al centro delle gocce, come a suggerire che, essendo il punto centrale quello con maggiore quantità di materia, sia anche quello dove passa meno luce e quindi più scuro. (alla fine con un pò di nero ho anche aggunto dei tocchi ancora più scuri)

http://www.napolipuntoacapo.it/npc/foto/sangue4201ai1.jpg

in realtà il sangue non è trasparente, qundi è solo un effetto ottico, perchè tutti i giochi di luce e ombra si formano in realtà sulla superficie.



Passiamo ai principi di una bella chiazza:


Quella di sopra è solo lo studio delle fasi di colorazione, mentre quella sotto è per ricordarvi, quando lo disegnate a terra, che i fluidi seguono le imperfezioni della superficie su cui poggiano. per esempio, le fughe delle mattonelle.


 partiamo da zero. una bella chiazza piatta di E35.
 Proseguo con i volumi. il sangue ha un suo spessore...

...per questo la prima cosa che vado a scurire è il bordo esterno, in direzione opposta alla luce, che in questo caso proviene dall'alto-sinistra. per un effetto ancora più tridimensionale, da un lato sfumo verso il centro.

con il colore più scuro applico delle ombre che seguono un movimento concentrico, perchè nella mia immaginazione, come dicevo prima, voglio rendere un effetto quasi gelatinoso, e che quindi si assesta morbidamente creando leggeri avvallamenti.

 Riprendo il colore di prima, RV19, per sfumare meglio le ombre ottenute prima.

 Concludo applicando delle luci bianche intense con una penna acrilica Molotow.

Ta- daaaah <3

Un ultimo trucchetto simpatico... le gocce mantengono una forma rotonda, a meno che no cadano dall'alto, cosa che le fa sfrangiare per la velocità con cui impattano il suolo, o schizzate, nel cui caso lasciano la scia in una sola direzione.
c'è un modo carino con cui ho fatto questa bella chiazzetta rossa.



Ho preso la ricarica di un rosso (sempre R35, in questo caso, e l'ho lasciata gocciolre dall'alto. l'impatto non è stato sufficiente  sfrangiarla, ma la goccia mantiene una forte umidità ancora per un paio di secondi mentre la carta assorbe l'eccesso di inchiostro. Se in quel momento, premete velocemente un polpastrello al centro, il colore in eccesso schizzerà tutto intorno.

Vi sporcherete il dito, per ora ho provato con qualcos'altro ma non è venuto beneXD e comuqnue è divertente avere la mani sporche alla fine u.u



Alcune gocce, nelle varie prove, sono uscite con una forma strana... ne ho approfittato per rfinirle con R59 e bianco e dar loro volume, sfruttando l'effetto realistico dovuto al fatto che la loro disposizione casuale è assolutamente autentica e incontrollata!

Ovviamente quando si fanno queste cose su un'illustrazione è bene coprire le parti importanti del disegno con della carta, onde evitare di sgocciolarci su per errore.

Ci sono tanti modi per rendere l'idea di una sostanza, questa è la mia personale visione un pò stilizzata e sintetizzata, e spero sia interessato a qualcuno.

Alice






Nessun commento:

Posta un commento