mercoledì 25 febbraio 2015

0 Tutorial: Gocce d'acqua


'Sera!

Oggi, non sapevo cosa fare, ma dopo averci pensato un pò, mi son detta... ma perchè non provare a far vedere un pò nel dettaglio quei piccoli effetti che di solito in un disegno si notano poco e niente? Tipo... le gocce.


Questi sono trucchetti che possono essere applicati pure alle lacrime, ma anche a sfere di vetro e bolle di sapone!

Come colore standard ho scelto un azzurro, non perchè l'cqua sia azzurra, ma perchè piacendomi, è una gradazione di cui possiedo molti copicXD

Nello specifico ho usato B0000, B00, B02, B05, B26. Per completare, dei tocchi di bianchetto.
Ahimè, il pennellino del mio bianchetto non era abbastanza fine, così ho dovuto arrangiare i bordi con una penna gel bianca (che però non è coprentissima)... Se vi capita, provate il Copic opaque white con pennellino, è finissimo!



Vediamo ora le fasi di questa goccia d'acqua <3.


Ovviamente, una vera goccia d'acqua è trasparente, e come una lente riflette in maniera deformata tutto ciò che ha intorno, quindi la disposizione di colori, luce e ombre al suo interno varia di caso in caso. In questo, ve ne propongo una versione 'stilizzata', sintetizzata, com'è tipico del manga.


Sono partita da una base con B0000, ho bagnato bene la carta.


Ho aggiunto al centro un pò di B02, per formare una sorta di ombra, che poi verrà alleggerita.

Infatti la sfumo con B00, che essendo il colore passato per ultimo, andrà a schiarire il B02 .

Con B05 vado a fare le parti più scure, che saranno la parte inferiore (se la luce viene dall'alto) e qualche angolino nei bordi, proprio dove alla fine andrà la luce più grossa, così da creare un pochino di contrasto col bianco e farla sembrare più lucida.

Riprendo B02 e lo uso per 'blendare', cioè sfumare i piccoli tocchi scuri che ho dato prima col B05. Questa che immagino è una goccia appoggiata su una superficie piana, quindi ha anche una sua piccola ombra, di cui ho fatto la base con B00.

Infine, col B26, ho aggiunto una piccola falce più scura in direzione opposta alla luce, sul fondo, e con B02 ho rinforzato un pochino l'ombra.
Si rifiniscono po i punti luce con bianchetto o penna gel!

Non è necessario usare colori in scala tra loro, basta rispettare la disposizione delle zone chiare e quelle scure.
Dato che il fondo è bianco, le ho trattate come 'sfere di vetro', ma con una gamma un poco più chiara possono diventare anche bolle di sapone.


Ma che succede se l'acqua non è azzurra e sta su una superficie colorata?
Il trucco è farle prendere i colori di base dell'oggetto su cui si posa. Le le luci e le parti bianche diventano essenziali per definirle e renderle tridimensionali, come su questa foglia.



Parto segnando a matita leggera la forma delle gocce. (se avete una mina azzurra è anche meglio!)

Poi passo il colore di base, in questo caso un YG00. non ho disegnato venature alla foglia perchè sono abituata a renderle col colore, ci avevo fatto anche un tutorial su XD.

Mi occupo delle venature, che sono state fatte con l'aggiunta di YG17 nei punti più scuri e poi sfumato con YG03. Ho lasciato intatte le aree dove andavano le gocce.


Poi con lo stesso principio di prima ho distribuito luci e ombre, usando però come gamma gli stessi tre colori  della foglia. Dato che queste gocce sono in proporzione più piccole, hanno avuto bisogno di meno dettagli, infatti mi son bastati tre pennarelli.
Importante per dare volume è l'ombra sotto la goccia e il bordo chiaro che la contorna, che ho ottenuto un pò lasciando del bianco durante la colorazione e un pò ripassando con la penna gel.


Un altro metodo ancora! 


Su una base di colore B32 (ripeto, è azzurro solo perchè mi piace, e perchè avevo solo un Copic Wide di quel coloreXD), stavolta, lascio gocciolare direttamente da una ricarica Various Ink delle gocce di colore molto molto chiaro. In questo caso un B0000, ma anche un blender 0 o dell'alcol andavano bene.


N.B. Questa è una cosa da fare solo se avete carta di una certa grammatura, in questo caso specifico sto usando un foglio da 160, con un foglio più sottile potrebbe spandere troppo!

Dato che i bordi sono leggermete frastagliati, li ripasso un pochino con la penna bianca gel per nascondere il difetto. Non serve coprire completamente le frastagliature, basta una linea sottile vicino, perchè per contrasto tra bianco-chiaro e colore-scuro, l'occhio vedrà principalmente quello e non i dettagli! (la stessa cosa succede col nero, ed è per questo che nella parte inferiore, dove va l'ombra, incerti punti ho ripassato le gocce con un multiliner 005.
Già così erano belline, coi loro puntini di luce, ma non ho fatto altro che aggiungere, con un colore un poco più scuro, (B95) un paio di pennellate per goccia. una lunetta interna, leggermente separata dal bordo inferiore, e una esterna, invece adiacente il bordo, che è l'ombra portata.

Questo trucchetto, se usato con ricariche di altri colori, può simulare le gocce di una bevanda rovesciata, come per esempio succo, caffè o aranciata.


Anche le lucine si possono personalizzare, dal puntino luminoso, ai classici 4 rettangolini deformati, che indicano la luce proveniente da una finestra, per un ambiente domestico! (queste gocce sono in realtà molto piccole, per questo il contorno della penna bianca pare sbavato!)
Ah, le ombre interne, qui, sono sempre fatte a B95, ma il colore cambia in base al various in che c'è sotto, ecco perchè su YR23, che è molto giallo, diventa verdastro.


Sperando che sia stato interessante...sgocciolate! tirate fuori il Pollock che è in voi! *lol*

Alice









Nessun commento:

Posta un commento