mercoledì 7 gennaio 2015

2 Tutorial: Labbra e rossetti!



Il mio primo post del 2015!
Quanti rimorsi per non poter postare un tutorial del genere a San Valentino *lacrimucc*.
In realtà non era questa la cosa che avevo in mente per questo mercoledì, ma ho colorato qualche labbruccio carino che ha ricevuto un sacco di apprezzamenti e mi hanno pure chiesto indicazioni. 

E allora... tutorial, perchè no?

Per prima cosa ho preparato tutte le labbra e le parti non inerenti al tutorial, come la pelle. (che per inciso è fatta con YR000 e V91, la chiara, e E18 e E35, la scura).

Ho volutamente preparato vari tipi di labbra e colori per effetti diversi, nei limiti delle mie possibilità.


Infatti, normalmente cerco di proporvi cose che passino per vari stili e tecniche, ma la verità è che le labbra... mi piacciono solo fatte in un certo modo e non saprei farne in altri, per cui non ci sarà una gran variazione di stile.
Oltretutto, non è una colorazione particolarmente orientale, anzi, più pittorica, ma dato che quel che importa è la resa dell'effetto morbido, carnoso e sensuale, si può integrare anche ad altri modi di disegnare, quindi sono consigli per tutti.

Partendo dal più chiaro e con effetto più naturale:


Per prima cosa ho steso la base per inumidire la carta con YR000, che infatti è lo stesso della pelle.
Successivamente  YR00, che viene dato di nuovo su quasi tutta la superficie, rimanendo però un poco dentro i contorni della base. in questo modo i bordi appaiono sfumati e non netti, e questo è un effetto che io adoro, perchè le fa sembrare incredibilmente morbide (anche lo sbordare un pò dagli angoli della bocca è voluto!). 
Ho lasciato anche una striscetta chiara al centro del labbro inferiore, così sembra più sporgente, luminoso e si definisce la rotondità e il volume. 


In questo caso, dato che le labbra sono neutre, senza trucco, tutto appare morbido e opaco, con sfumature delicate.
Alla fine vado a definire i punti d'ombra con E95, che si trovano tutti al centro delle due labbra, dove la luce fa fatica a illuminare. 
un puntino più scuro negli angolini estremi della bocca aiuterà a far sembrare gli angoli più infossati e quindi a far sporgere ancora di più le labbra, donando tridimensionalità.

Questo è il metodo che uso per distribuire le ombre:


Fa eccezione la lunetta luminosa. Quando coloro in digitale le dispongo così, e aggiungo successivamente un livello per le luci... facendolo manualmente, devo tenere conto anche di quelo, quindi immagino di spezzare lo schema lasciando del bianco. se vi viene troppo difficile, un buon compromesso potrebbe essere aggiungere le luci a bianchetto alla fine.

Qui si vede come sia facile, con i copic, gestire la colorazione con singole pennellate. Anche solo con un colore si intuiscono i volumi.


Quello in viola è il modo che uso di fare le labbra alle ragazze che non devono sembrare particolarmente sexy o alle bambine, e utilizzo solo uno o due colori.

Continuiamo con un trucco leggero, un effetto lucidalabbra: il colore è ancora naturale, ma più roseo e con la variante lucida.


Questo tipo di labbra rientra leggermente al centro, sia nel labbro superiore che inferiore, quindi metto un pò di luce per evidenziare la rotondità in entrambi.

Parto con R02, andando subito in quelle che sono le zone più scure.
Sfumo poi passando velocemente E93, ricoprendo quasi tutta la superficie, esclusa l'area di luce.
Come dicevo prima, le labbra si incavano appena al centro, quindi anche la luce non potrà essere di un unico, morbido spessore, ma dovrà illuminare ciascuna delle due parti del labbro, prendendo una forma ad 'arachide'.
qualche filetto verticale ad interrompere la luce serve a ricordare la texture delle piegoline naturali della pelle.




E00 mi serve solo per sfumare un pochino i bordi e amalgamarli alla base (quidi significa che in base al tono della pelle cambierà anche il colore in questo passaggio.
V91 è stato dato  nei punti d'ombra: non tanto per scurire, perchè è un colore chiaro, ma per spegnere un pochino ma per desaturare.
Utilissimo ancora per rendere il volume: se il labbro inferiore sporge molto, sotto, sulla pelle, si crea un'ombra.


Andiamo su un rossetto un pò più convinto, un bel rosa, un pelo più opaco. Si capisce dal fatto che prima la luce era quasi netta, mentre ora sfuma delicatamente nel colore di base.



Sono partita dai punti d'ombra di E04, praticamente ho sottolineato il filo cetrale delle labbra. 



Con RV11 ho fatto quasi tutta la base, assicurandomi sempre di lasciare la luce e modellandola in base alla carnosità delle forme. Poi con due pennellate veloci sono partita da destra (supponendo che la luce venga da sinistra)per interrompere in mezzo al riflesso, in modo da smussarlo un pò, in pratica, dove batte la luce i contorni sono netti, e verso le ombre va a sfumare.



Ho ripassato un po' di E04 per sottolineare meglio alcuni volumi, mentre R00 mi è servito per sfumare alla base della pelle.
Il tocco di classe è dato da RV23, passato velocemente sopra a tutto per accendere un po' i toni, essendo un colore molto saturo.


Avanziamo coi toni, sempre più accesi!
Mi piace il rosso intenso.
Ma non mi piace (gusto personale, eh) il rossetto dato compatto e preciso con una forma talmente precisa che sembra finto.


Questa trovata su google, per fare un esempio.



Mi piace avere qualche cangianza, soprattutto quando coloro. 
Così, per queste labbra rosse, ho scelto degli espedienti che ricordino vagamente dei riflessi metallici per far sembrare il colore ancora più lucido.



La base è E93, simile ad un tono naturale, e fungerà da legame col color pelle.
(e 93 era il colore più scuro della seconda bocca, mentre ora, essendosi scurito il risultato finale, anche la via di mezzo tra il rosso e la base, si è scurita in proporzione, rimanendo però sempre un tono intermedio tra i due).


Come spiegato in un altro tutorial, sono momentaneamente sprovvista di rossi scuri, quindi le ombre le ho date con un V08. Una volta passato il rosso sembrerà quasi nero, ma è l'effetto che cerco per l'effetto metallico.
Infatti, tipico dei riflessi metallici è avere parti di ombra molto scura a diretto contatto con parti di luce intensa.
L'idea è che l'ombra nasca al centro del labbro, e la luce la tagli nel mezzo. tenere i colori più scuri al centro ricorderà un effetto tipo pietra preziosa. lucida, dal colore intenso e più corposa al centro, dove aumenta lo spessore.


 


R46 è un rosso intenso, quindi lo passo subito per smorzare il viola. Comincio col darlo nelle zone di ombra intermedia e poi proseguo a sfumarlo nelle zone più chiare con R35 e a seguire R22 (che non so perchè in scansione sembri più scuro, in realtà è quasi rosa). Mi assicuro di scurire - sbordare un pò gli angoli della bocca e di sfumare i bordi esterni, soprattutto dove non c'è la linea di contorno a delimitare la forma del labbro.

Sempre più scuro! 



Un rossetto nero, marrone o violaceo sta bene sia sulle carnagioni scure che su quelle chiare per un effetto un po' goth, quindi ecco come appare in entrambe le versioni!



Quasi nulla di diverso dai precedenti passaggi: ci sono tre colori, di cui è stata passata prima il più chiaro (E71), poi il più scuro (E79) e poi l'intermedio, il più desaturato che ha spento i marroni facendoli sembrare un nero tonalizzato.


IL BV08 è servito solo per enfatizzare un pò le ombre scure nel filo delle labbra. non ci sono effetti metallici o particolari, assomiglia molto, in semplicità, alla tecnica del primo. Infatti si prestava bene anche ad un trucco opaco, basta far diventare la luce bianca un pò più spenta, con magari una passata di E71, in modo che risulti più chiara ma non bianca.




Stesso procedimento per la versione goth, solo che  ho insistito un pò sui bordi con E71, il colore più chiaro, per sfumare un poco verso la pelle. mi sono aiutata anche con un pochino di V91.

Per finire, qualcosa di particolare: Un effetto... fantasy, diciamo. 



Per personaggi non umani o dai gusti eccentrici.
l'effetto è quello di un gloss iridescente misto ai passaggi usati rosso intenso, con la differenza che mano a mano che ci si avvicina alla luce non solo il colore diventa più scuro, ma cambia anche di tono.
abbiamo infatti una luce gialla, una base celeste e ombre viola. Il trucco è appunto partire da una luce di un colore e arrivare all'ombra del suo complementare. In genere i complementari fanno a pugni, quindi tutto sta nella scelta dei colori intermedi per arrivare ad un passaggio armonioso. Ho scelto una gamma fredda, quindi sono passata per il blu. (avrei potuto decidere anche per una gamma calda, facendo giallo, arancio, rosso, magenta, viola, ma colori caldi finora ne abbiam visti pure troppi)


Parto con Y11, e mi limito a pennellare solo intorno all'area in cui ipotizzo esserci le luci. Se facessi tutta la base, al momento di passare B00, tutto diventerebbe verdino e non si vedrebbe bene l'azzurro, quindi col giallo ho finito. il colore successivo è BG11 (facoltativo, se non avete un verdeacqua, potete appunto giostrarvi tra giallo e azzurro per ottenerlo).



Lascio un pò di spazio bianco per poter finalmente mettere Il B00, che è effettivamente il colore di base, quindi il predominante: il BG11 è solo una sua cangianza.




La disposizione delle ombre, fatte con B32 e V05 (solo nei punti più intensi), è sempre la stessa, vicino al filo interno delle labbra e al centro, a contatto con la luce, terminando in maniera che il tono più scuro sia anche il più caldo e diverso dalle luci.


Ovviamente, tutto questo vale per labbra di grandi dimensioni, primi piani. più le labbra diventano piccole, meno dettagli si potranno fare!

Sperando di essere stata utile, buon 2015 a tutti!

Alice.





2 commenti:

  1. Ho pescato il tuo tutorial partendo dalla pagina "Artisti Nottambuli" e ne sono rimasta rapita! Ho iniziato da poco con i copics e di strada da fare ne ho parecchia xD Però il tuo tutorial è illuminante! Aggiunto ai preferiti, ORA! Bravissima! Giusto per curiosità, ne hai fatti anche altri? :)

    RispondiElimina
  2. Mi sa che ti avevo già risposto nel gruppo, se cerchi nelle etichette del post col mio nome o la sezione manga (ora siamo in due da poco, ma sono ancora quasi tutti miei) li trovi, questo era il trentesimo!

    RispondiElimina