mercoledì 23 novembre 2016

0 Tutorial: Esplosioni Parte I - Fuoco

Ciao a tutti e ben ritrovati!!
Questa volta andiamo sullo shonen puro, voglio presentarvi uno dei tanti modi in cui potete colorare le vostre esplosioni infuocate, siano esse dovute a un combattimento serrato, alle tecniche di un guerriero o alle potenti magie di un incantatore.



Nel tutorial che segue vi presenterò due tipologie di esplosioni, quelle "a stella" e quelle "a fungo"; i nomi chiaramente sono inventati, ma secondo me descrivono bene la forma che descrivono

Nel primo caso, dovete avere in mente più o meno un fuoco d'artificio; come sempre, Google è utilissimo nel fornirci immagini da prendere come riferimento


 Come palette ho scelto di usare 5 colori:
-Y13
-Y35 (si può evitare, infatti l'ho usato pochissimo)
-Y38
-YR15
-R05

Prima di tutto ho creato il cuore della nostra stella: ho fissato a matita un piccolo punto nel centro e con delle rapide pennellate ho creato delle linee verso il centro

 Poi con Y35 ho ripassato il centro, partendo questa volta dal centro e andando verso l'esterno; dato che è venuto troppo scuro rispetto a quello che avevo immaginato, ho deciso che col bianchetto avrei aggiustato la "macchia" che si è creata.

Soprattutto, con Y38, utilizzando sempre delle pennellate rapide dall'esterno verso l'interno, ho creato il secondo livello dell'esplosione; dovete immaginare di procedere a cerchi concentrici, nella parte più vicina al cuore dell'esplosione va il colore più chiaro e via via virate verso il rosso.


Come vedete non sono stato uniforme nella distribuzione, l'esplosione è tutt'altro che uniforme, quindi anche la forma deve essere irregolare :)

Con Y13 ho ripassato l'area precedentemente colorata - sempre con le solite pennellate, questa volta dal centro verso l'esterno; poi per staccare le due zone ho usato YR13. Volevo un effetto non omogeneo


Come ultimo passaggio, ho usato R05 per creare la corona esterna; nuovamente, prima ho creato la raggera 


Poi, usando Y38, sono andato a coprire le zone bianche che avevo lasciato tra la zona intermedia e quella esterna.
Purtroppo l'R05 era bello carico e mi ha fatto ste due mega macchie che non sono riuscito ad aggiustare :(


Nell'ultimo passaggio, ho ripassato ancora con Y38 alcuni punti della raggera interna, mentre con R05 alcuni punti della raggera intermedia; le aree sono rimaste abbastanza separate, ma non così tanto da dare fastidio alla vista.

Infine, col bianco, ho creato dei punti luminosi, come fossero scintille incandescenti






Passiamo adesso alla tipologia "fungo". Avete presente la classica esplosione da film americano? Ecco, quella.


Come mostrato nello schema, l'esplosione si sviluppa in due "direzioni": il violento e improvviso sprigionamento di energia fa salire velocemente il gas verso l'alto e proprio in alto si crea la cosiddetta "palla di fuoco", che nient'altro è se non l'espansione rapida del gas in una forma sferica.
Quindi colorando dovremmo tenere conto di questi due movimenti e modulare la colorazione di conseguenza.

In questo caso ho usato una palette più ricca della prima, ovvero:
-Y13
-Y38
-YR15
-YR68
-R05
-R29
-E18
-E49
-W5

Prima di tutto, ho creato una bozza dell'esplosione e con Y13 ho colorato la base più chiara


Questa volta, al posto di pennellate rapide, ho usato i copic per creare delle "nuvolette": le zone di colore cambiano velocemente dall'una all'altra, infatti sono stato poco ordinato nell'uso dei colori (scusate :/ ); come vedete nello step successivo, ci sono già zone colorate con Y38, YR15, R29 ed E18 (sotto ho indicato i colori puntualmente)


In questa foto vedete meglio i vari colori; come vedete le zone di colore seguono un pattern: la zona centrale dell'esplosione è chiara, mentre man mano che si va verso il bordo i colori tendono al marrone.
Dato che la colorazione è abbastanza netta, ho dovuto usare tanti colori altrimenti ci sarebbe stato troppo stacco tra un livello e l'altro.

La forma che ho dato alle varie pennellate è sempre quella a metà strada tra una nuvola e una fiammata, in quanto è proprio l'anima dell'esplosione :)


In alcune parti, il fumo è talmente denso da diventare prima scuro e poi grigio fumo; ho usato E18 e E49 per la parte scura della nuvola, mentre con W5 ho colorato il fumo


La parte alta della nostra esplosione fungosa è terminata, resta da dare la base; i procedimenti sono simili, prima con Y13 ho steso la base chiara


Con gli altri colori, similmente a prima, ho steso le varie aree; in questo caso, dato che nella base non si sviluppa la nuvola, le zone di colore sono più simili a fiammate verticali.


Infine, piccolo bonus extra :)
Nel caso in cui vogliate disegnare anche altri oggetti oltre all'esplosione (plausibilissimo), dovete ricordarvi che anche l'ombra si irradia secondo le linee date dall'esplosione.

Ad esempio, supponiamo che un fierissimo mago nero se ne vada dopo aver lanciato il suo incantesimo di fuoco; l'esplosione alle spalle del mago è la fonte di luce principale nel disegno e surclassa di gran lunga quella del sole o della luna, quindi le ombre si stendono partendo dal centro della detonazione


Come vedete, l'ombra tracciata per terra è in linea con le linee (scusate il gioco di parole) dell'esplosione


Ho montato per "gioco" l'esplosione di prima col mago davanti e l'effetto non mi dispiace! :) Col nero e l'arancione sul mago ho indicato dove devono essere messe le ombre più scure, mentre il contorno rimane in luce - e anche la lineart risulta più chiara.


Sperando vi sia piaciuto e vi possa essere utile, vi lascio al prossimo appuntamento in cui continuerò a parlare di esplosioni, vedendo come si comportano altri elementi :)

Matteo Dodo


Nessun commento:

Posta un commento