mercoledì 27 agosto 2014

3 Tutorial - Texture 02 - terra e ghiaia

L'illustrazione è sempre la stessa, anche a distanza di settimane XD
Per la serie chi non muore si rivede...

potete trovare le altre parti di questa illustrazione 

Oggi come texture ho fatto terriccio e ghiaia, sono abbastanza divertenti, se avete la pazienza di mettervi lì senza tirare via.

   , 
Come sempre, per prima cosa scelgo la color chart, questo è quello che sono riuscita ad ottenere con i marroni che avevo, anche se mi sarebbe piaciuto avere qualcosa di più intermedio tra l'E13 e l'E37... ma non si può avere tutto dalla vita!

Ovviamente questi sono i toni della terra.


Parto con E13 come base (E31 lo uso solo in piccole zone dove batte la luce) e a seguire gli altri toni, disposti in zone non troppo uniformi, per sumulare piccoli dislivelli e avvallamenti nel terreno. La fase due è stata parecchio difficile, perchè tra E13 e E37, come dicevo prima, c'è molta differenza e blendarli in maniera omogenea è stato piuttosto difficile.
Fortunatamente questa è la base, e anche se non viene troppo precisa ed uniforme non succede nulla, perchè i passaggi successivi copriranno i difetti.
Facciamo finta che la color chart sia nominata così:
E31=1
E13=2
E37=3
E47=4
E49=5

L'ordine di stesura dei colori sulla sfumatura di base è questo, passato con piccoli tocchi veloci per un effetto 'grumoso': 2 blendato con 1, 3 blendato con 2, 4 blendato con 3, 5 blendato con 4 e per finire 1. in pratica i colori vengono dati in ordine, ciascuno blendato col precedente prima di passare al successivo.

Può essere un modo.
Si può pure fare al contrario, per esempio, una volta fatta la base liscia, partire direttamente dal colore più scuro, e dare tutti i colori a scalare verso i chiari


Ecco, diciamo che nel primo caso, si può dosare meglio il colore. se si ha paura di arrivare in fondo con toni troppo scuri, procedere per gradi può aiutare, magari scoprire che quello che si credeva un passaggio intermedio della colorazione è invece il risultato ottimale, e fermarsi lì.

Partire dagli scuri invece è ottimo per chi si sente sicuro e sa precisamente i toni che servono. 
E ora potrei tirarmela un sacco e far intendere che io lo sono, ma la verità è solo che ci sono riuscita perchè avevo già fatto l'altra prova XD

Quindi in questo caso, i colori vanno in ordine 5, 4, 3, 2, 1. tutto steso picchiettando la punta o facendo piccoli sbaffi.

Si può provare anche ad utilizzare basi e colori diversi. per esempio la base invece che sfumata potrebbe essere piatta o ottenuta con la sovrapposizione di due colori.
















Come tocco finale si può passare della matita colorata (o pastello, o gessetto, o qualunque cosa lasci un effetto ruvido) per rendere la texture più fine. in questo caso l'ho usata anche per fare delle macchie di sporco su guanti e pelle.

Per finire, un trucchetto per fare la ghiaia, veloce e pratico. certo, si potrebbero fare con la punta tanti piccoli segnetti scuri, ma quello che rende davvero tridimensionali i sassolini è il fatto che siano chiari nella parte esposta alla luce e scuri solo nei bordi e nei buchi che si creano tra l'uno e l'altro.
non significa che bisogna prendere il copic scuro e cominciare a fare i contorni di ogni sassetto, tutt'altro.


Il copic scuro lo prendo, ma solo per passare la base più scura. Quanto scura, sta a voi decidere, in questo caso ho usato un W7 un pò scarico. importante specificare che è scarico, perchè significa che ha lasciato meno inchiostro sul foglio e sarà più facile passarvi sopra altri colori.
nell'esempio di destra, come base è bastato anche un C3 o un E81. i colori dei sassetti sono gli stessi, ma quello della base influisce sul resto.
ho scelto una gamma di colori per i sassolini (si potevano anche fare tutti uguali, ma così ha un effetto più naturale) e ho lasciato asciugare la base.
E' importante che sia asciutta, o i passaggi successivi si mescoleranno insieme a lei, invece che lasciare il bordo, come si vede dalla foto.


Il resto è facilissimo, si stratta solo di poggiare la punta del copic per qualche secondo in modo da far penetrare l'inchiostro nella carta e lasciare una piccola macchia chiara, di forma preferibilmente non troppo tondeggiante.
Consiglio di aspettare tra una fila e l'altra di sassetti, in modo che la carta sia sempre bella asciutta. dato che è una cosa lunga, si può cominciare a farla all'inizio, per poi riprenderla in più volte man mano che si va avanti col resto del disegno!

Alice.



3 commenti:

  1. Fantastico tutorial Alice..
    Hugs Blankina

    RispondiElimina
  2. grazie e mille Alice!
    ci hai regalato un tutorial davvero eccellente <3 <3 <3
    nn ci resta che provare e provare :D

    complimenti :D

    RispondiElimina
  3. Prego, a entrambe! Visti i nostri stili di disegno e colorazione così diversi, sono contenta di avervi potuto offrire qualcosa di utile e interessante!

    RispondiElimina